Come depilarsi con la pietra pomice

Ci sono tantissimi metodi di depilazione che risultano essere più o meno validi e a seconda delle esigenze ognuna di noi ne predilige uno in particolare. Esiste però un metodo molto più alternativo e anche in parte sconosciuto rispetto agli altri che prevede l’utilizzo della pietra pomice.

La pietra pomice è una semplice tipologia di pietra presente in natura che magari abbiamo già anche visto e raccolto ma che non sapevamo potesse esserci utile in qualche modo.

La pietra pomice è un particolare tipo di pietra lavica molto rugosa che permette di depilare ed esfoliare contemporaneamente e quindi sta riscuotendo un buon successo fra le giovani che cercano metodi alternativi e risolutivi per la depilazione.

Come si usa?

Innanzitutto è possibile reperire la pietra pomice molto facilmente in erboristeria e anche il costo è molto accessibile e si aggira più o meno intorno ai dieci o quindici euro in base alla grandezza della pietra.

Prima di procedere con da depilazione è possibile inumidire la zona leggermente e poi procedere con movimenti circolari e continui su tuta la zona.

LA PRIMA CERA DEPILATORIA INDOLORE >>>

Questo è un trattamento che va ripetuto più volte nel corso del mese, soprattutto all’inizio, poiché il pelo superfluo viene “consumato” e per questo servono più sedute ed inoltre ogni volta che si procede con la pietra pomice si va ad esfoliare e ad eliminare i peli incarniti e quindi è possibile che alcuni peli superflui prima sottopelle escano e debbano quindi essere eliminati con un nuovo passaggio.

Alla fine di ogni depilazione è buona cosa pulire risciacquando sotto l’acqua la pietra che così resterà sempre pulita e pronta all’uso.

Una scorretta pulizia non solo non consentirà alla pietra pomice di mantenere le sue caratteristiche principali e utili di depilazione e quindi la sua efficienza, ma rischierà anche di essere contaminata e di avere l’effetto esattamente opposto rimanendo sporca e rischiando di andare a creare infezioni non appena ci si depilerà nuovamente.

È una tecnica decisamente più laboriosa rispetto alle altre e i risultati si vedono solo a lunga scadenza, senza contare che sulle parti estremamente  sensibili non è possibile utilizzarla e anche sulle altre bisogna fare molta attenzione a non passare con troppa forza e in modo eccessivo per non creare escoriazioni.

Come tutte le tecniche è valida solo se ben utilizzata ed eseguita nel modo corretto, altrimenti rischia di essere più dannosa che produttiva e creare più danni del previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *